Privacy Policy
Crea sito

Augusto De Megni e Pasquale Laricchia parlano del Gf10


Translate this post

Traduzione

Ogni nuova edizione del Grande Fratello porta nuovi gieffini da “piazzare” nello showbiz così i concorrenti delle passate edizioni devono lottare per sopravvivere soprattutto se il loro ruolo è semplicemente ed esclusivamente quello dell’opinionista in vari programmi.

E così accade che alcuni ex concorrenti possano ritrovarsi a rilasciare interviste e pareri sugli ultimi esclusi anche per rimettere un pò in auge la propria immagine, una sorta di modo per dire “ci sono ancora!” e così ecco che, il vincitore del Gf 6, Augusto De Megni ha espresso la sua opionione “dopo dieci anni di trasmissione se non trovi cose particolari la gente non ti guarda più. Ai casting del Grande Fratello si cerca sempre gente che stupisca, non che annoi il pubblico. Le provocazioni, si sa, aumentano l’audience” e continua “non me la sento di puntare il dito, perché il Gf è uno specchio della società, un suo spaccato. Il mondo in cui viviamo è cattivo e volgare: il reality non può essere altrimenti. Anche per il basso livello dei concorrenti nessuno ha mai detto di voler fare cultura con il reality, bensì solo puro intrattenimento. E, visti i risultati, il Gf ci è riuscito appieno”.

Infine ribadisce, difendendo così la sua vittoria, che non per forza vince una storia drammatica come quella che ad esempio aveva lui alle sue spalle e afferma “io sono stato subito additato per questo. Se fosse così, quest’anno avrebbe dovuto vincere Carmen Andolina, che è orfana, o Marco Mosca, che ha il papà in carrozzella” ma soprattutto si mostra dispiaciuto perchè “al reality non si è mai vista una donna-donna, sicura e femminile: si sono viste tante ragazze carine, ma sboccate e non femminili”. Ci va anche duro però sul vincitore-sratega Mauro Marin e sull’atteggiamento dei genitori del ragazzo quando ha vinto che “hanno parlato di lui come di un premio Nobel per la pace. Ma insomma: è stato aggressivo come poche persone al mondo! Dopo la gioia. iniziale, se fossi stato in loro, io avrei mantenuto un po’ di obiettività e gli avrei fatto una gran bella piazzata!”.

Oltre ad Augusto, anche Pasquale Laricchia, ex concorrente del Gf 3 parla dell’ultima edizione.

Il mio preferito di questa edizione è stato Mauro, anche se la grande sorpresa è  Giorgio: davvero un bravo ragazzo. Per vincere, una donna dovrebbe essere rassicurante e non incutere timore negli altri concorrenti. Se Mauro fosse stata una donna, certo non sarebbe arrivato fin lì”.

In teoria Pasquale afferma che le donne troppo belle non vincono il Gf e a conferma di ciò continua dicendo che “Cristina ad esempio è arrivata in finale probabilmente grazie alla sua semplicità ma ha concesso molto poco rispetto alle dinamiche di gioco” e che, dalla storia del Gf, le vincitrici donne Cristina Plevani, Floriana Secondi e Serena Garitta non erano certo queste bellezze stratosferiche. Pasquale però si concentra su due romane, Floriana Secondi – sua coinquilina della Casa e vincitrice di quella edizione – e Veronica Ciardi – la bella romana di questa edizione che ha tanto scandalizzato e fatto parlare di sè. Per Pasquale tra le due “ci sono delle analogie: tutte e due con caratteri forti sono arrivate allo scontro con gli uomini. Purtroppo Veronica è troppo bella e questo non le ha permesso di arrivare in finale. Quelle davvero belle non vincono mai, il pubblico tende a preferire chi gli somiglia”.
Per quel che invece riguarda il vincitore, Paquale sositene che “si è divertito prendendo in giro bonariamente i suoi avversari e coinvolgendo il pubblico”, un parere diverso e meno moraleggiante di quello espresso da Augusto.

Tags: , , , , , ,

Scrivi un commento

This blog is kept spam free by WP-SpamFree.

Altri gossip:

MyFreeCopyright.com Registered & Protected